Servizio per la carità, Caritas diocesana e migrazioni

Home / Curia / Uffici pastorali / Servizio per la carità, Caritas diocesana e migrazioni

Delegato vescovile
padre Daniele Noé

Responsabile
don Valerio Bersano

Sede e contatti
Via Vescovado, 3

Direttore
Giampaolo Mortara
Segreteria
Barbara Casu

Sede e contatti
Via delle Orfanelle, 25
Tel 0131 253119
caritas@diocesialessandria.it
caritas.diocesialessandria.it

Presidente
Roberto Massaro

Sede e contatti
Via delle Orfanelle, 25
Tel 0131 253119

Presidente
Francesca Bravi

Sede e contatti
Via delle Orfanelle, 25
Tel 0131 253119

Area pastorale
Fragilità

Altri Uffici
Caritas
Ufficio per la salute

Organismi conferenti
Tribunale
Opere di giustizia e carità e SIE
SIE – Solidarietà Internazionale ed Emergenza
Locanda della Misericordia
Oftal

Il servizio per la carità, Caritas diocesana e migrazioni

Giampaolo Mortara, 49 anni, è direttore della Caritas diocesana. Gli abbiamo fatto alcune domande sul suo prezioso lavoro “sul campo”.

Giampaolo, di che cosa si occupa la Caritas alessandrina? 
«La Caritas è l’ufficio pastorale che si occupa della promozione della carità all’interno della nostra diocesi. Ciò significa una particolare attenzione alle persone che vivono momenti di fragilità, di povertà e di difficoltà. Tutto questo lo facciamo attraverso l’ascolto di coloro che incontriamo tutti i giorni. Non siamo soli: siamo sostenuti in maniera concreta da una comunità che è solidale, che condivide e si fa carico di situazioni diverse. La comunità è capillare e ci permette di aiutare meglio le persone che soffrono. Dal canto nostro, uno dei compiti fondamentali della Caritas è stimolare le diverse comunità, affinché si accorgano e rispondano al bisogno del loro prossimo. Spesso non ci accorgiamo che il povero è il nostro vicino di casa…».

Da quanto tempo lavori lì? 
«La mia esperienza è iniziata con la scelta del Servizio civile nel lontano 1991, e non mi hanno più cacciato! (ride). E nel 2007 sono diventato direttore».

Quante persone lavorano in Caritas, come volontari o altro? 
«Quotidianamente da noi lavorano in diverse forme 45 persone, che portano avanti le opere segno: 26 volontari, 10 dipendenti e 9 tirocinanti. A loro si
aggiunge un mondo di volontariato, che arriva dalle parrocchie, dalle associazioni e anche da scelte individuali. Penso a quelli che fanno con noi le raccolte di alimenti nei supermercati; a chi serve in mensa tutti i giorni, o saltuariamente; a chi cura in toto il servizio mensa della domenica sera. E a molti altri che ci donano un po’ del loro tempo o del loro denaro per darci la possibilità di aiutare più persone possibile».

Come viene utilizzato l’8xmille?
«Una parte dei fondi dell’8xmille che la diocesi ci affida è un contributo diretto alle opere segno: l’ostello maschile e quello femminile, l’housing sociale, la mensa e il sostegno diretto alle famiglie in difficoltà. Una seconda parte viene utilizzata come contributo alle attività istituzionali della Caritas, legate alle strutture, agli immobili, alle utenze, al personale e alla formazione. Il totale dell’8xmille è di 197 mila euro, come abbiamo riportato nel nostro bilancio sociale presentato nel mese di giugno».

Un appello agli alessandrini?
«Innanzitutto, li ringrazio per la vicinanza e l’aiuto dimostrati in questi anni. L’invito è quello di continuare, e là dove possibile di provare a coinvolgersi con noi e con le persone che aiutiamo. Come ci ha ricordato il Santo Padre nel messaggio del 19 novembre 2017 in occasione della Giornata mondiale dei poveri, “siamo chiamati, pertanto, a tendere la mano ai poveri, a incontrarli, guardarli negli occhi, abbracciarli, per far sentire loro il calore dell’amore che spezza il cerchio della solitudine. La loro mano tesa verso di noi è anche un invito ad uscire dalle nostre certezze e comodità, e a riconoscere il valore che la povertà in se stessa costituisce”».

Un appello agli altri uffici pastorali?
«Mi rivolgo a tutti gli uffici, anche se mi piacerebbe, in questo momento, coinvolgere di più la Pastorale giovanile, quella del lavoro e quella della famiglia. Possiamo darci una mano reciproca, aiutandoci in vario modo: i giovani possono imparare in Caritas a fare un’esperienza forte del servizio agli ultimi, condividendola nei loro ambienti e “contagiando” il mondo; e noi abbiamo la possibilità di ringiovanire, grazie a loro. Sulla questione del lavoro, credo che ci si possa dare una mano per aiutare chi il lavoro lo ha perso o non lo ha mai trovato. Le famiglie sono un altro tema fondamentale: quotidianamente ci chiedono un accompagnamento, che non può concludersi con un semplice sostegno economico. Servono percorsi di sostegno, per aiutare i nuclei familiari anche nelle questioni affettive. Come si capisce, il compito è grande».

Intervista a cura di
Andrea Antonuccio

Leggi l’intervista integrale sul sito de La Voce alessandrina: http://lavocealessandrina.it/blog/2018/09/12/chiedilo-a-noi-l8xmille-un-aiuto-nel-sostegno-ai-poveri-e-ai-bisognosi/

Cosa succede in Diocesi – Gli eventi dal 6 al 13 ottobre 2022

Torna il promemoria settimanale con gli eventi in programma nella Diocesi di Alessandria, come la Celebrazione eucaristica per mons. Fernando…

Inizio anno pastorale e mandato ai catechisti, la celebrazione eucaristica del 26 novembre 2022

Il 26 novembre 2022 alle ore 21 presso la cattedrale di Alessandria la celebrazione eucaristica segnerà l’inizio dell’anno pastorale. Il…

Monsignor Guido Gallese, 10 anni di episcopato ad Alessandria: la celebrazione eucaristica del 12 novembre 2022

La Diocesi di Alessandria è lieta di festeggiare i 10 anni di episcopato di monsignor Guido Gallese (2012 – 2022)….

Cosa succede in Diocesi – Gli eventi dal 29 settembre al 6 ottobre 2022

Torna il promemoria settimanale con gli eventi in programma nella Diocesi di Alessandria, come la Messa per San Michele Arcangelo,…